15 novembre 2015, è scattato l’obbligo di catene a bordo o pneumatici invernali: ecco dove

L’obbligo di montare pneumatici invernali, o di avere le catene da neve a bordo, è scattato il 15 novembre scorso; da questa data, infatti, partono i controlli su strada e, in caso di inadempienza, sono previste sanzioni piuttosto salate. Anas ricorda agli automobilisti che dal 15 del mese in corso sino al 31 marzo del 2016 tale obbligo è attivo su alcuni tratti di strade statali considerate a rischio di formazione di ghiaccio o precipitazioni nevose; vediamo di quali strade si parla.

7956-anteprima-test-pneumatici-invernali-2013

Data la normativa vigente in merito alla sostituzione degli pneumatici in vista della stagione invernale, nonché la rigidità della stessa che dispone date precise entro cui attuare il cambio e prevede pesanti sanzioni in caso di inadempienza, appare evidente la necessità per tutti gli automobilisti di conoscere nel dettaglio quali strade sono coinvolte.

Va ricordato che l’obbligo si trova segnalato con apposita segnaletica stradale e che, in caso del protrarsi di condizioni meteo caratterizzate da formazione di ghiaccio piuttosto che da precipitazioni nevose, resta valido anche al di fuori del periodo indicato.

Tale obbligo riguarda tutti i veicoli a motore con la sola esclusione di motocicli e ciclomotori; l’ordinanza è emanata con rispetto alle normative vigenti che regolano la circolazione stradale.

Oltre al rispetto dell’obbligo in corso per l’intera durata della stagione invernale, Anas raccomanda la massima prudenza alla guida e ricorda l’importanza di consultare la situazione del traffico in tempo reale sul sito www.stradeanas.it, oppure attraverso l’applicazione “VAI Anas Plus”, disponibile gratuitamente per smarthphone e tablet.

A tutti gli automobilisti è messo a disposizione il numero 841-148 per ottenere informazioni sull’intera rete Anas.

Le strade e i tratti di strade statali coinvolti dell’obbligo sono:

  • SS 17 (dell`Appennino Abruzzese ed Appulo Sannitico), dal km 273,379 al km 284,000 (confine regionale – Variante di Volturara);
  • SS 7 (Appia) dal km 591,741 al km 627,250 (confine regionale – Comune di Palagiano, provincia di Taranto);
  • SS 89 (Garganica), dal km 105,300 al km 145,300 (Vieste – Mattinata, provincia di Foggia);
  • SS 17/var (Variante di Volturara), dal km 0,000 al km 14,250 (incrocio SP 145 ed innesto SS 17);
  • SS 89 dir B (Garganica), dal km 0,000 al km 11,832 (Bivio La Cavola – Monte Sant`Angelo, Foggia);
  • SS 93 (Appulo Lucana), dal km 16,000 al km 20,750 (Barletta – Canosa (BT));
  • SS 90 (delle Puglie), dal km 48,320 al km 67,200 (confine regionale – SP 113 a Monte Calvello, Foggia);
  • SS 96 (Barese), dal km 55,790 al km 105,500 (Gravina – Palo del Colle, provincia di Bari);
  • SS 100 (di Gioia del Colle), dal km 18,000 al km 66,600 (Casamassima – innesto SS 7);
  • SS 99 (di Matera), dal km 1,900 al km 10,420 (Altamura – confine regionale);
  • SS 170 dir A (di Castel del Monte), dal km 0,000 al km 15,070 (Castel del Monte – Andria (BT));
  • SS 172 dir (dei Trulli), dal km 0,000 al km 12,250 (Locorotondo – innesto SS 16 Fasano);
  • SS 172 (dei Trulli), dal km 1,400 al km 60,400 (Casamassima – bivio per Crispiano);
  • SS 272 (di San Giovanni Rotondo), dal km 11,100 al km 21,860 (SP 28 Pedegarganica – San Marco in Lamis) – (San Marco in Lamis – San Giovanni Rotondo) dal km 24,450 al km 29,750 – (San Giovanni Rotondo – Monte Sant`Angelo) dal km 33,350 al km 56,600;
  • SS 655 (Bradanica), dal km 31,000 al km 40,865 (casello A16 di Candela – confine regionale).

Una risposta

  1. gatti mario angelo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *