Catene e calze da neve: come scegliere

In inverno, qualunque sia la località dove si vive, prima o poi ci si trova a fare i conti con strade ghiacciate, nevicate improvvise e conseguenti problemi nella guida di autoveicoli. Da qui la necessità di prevenire i rischi di incidenti stradali o di multe molto salate, attraverso le varie soluzioni anti-slittamento che il mercato ci offre. Ecco quindi una breve ma esaustiva panoramica per aiutarvi a comprendere la differenza tra calze da neve e vere e proprie catene.

Scegliere tra catene e calze da neve

Negli ultimi anni si sente parlare spesso delle calze da neve in sostituzione o paragonate alle classiche catene da neve; vediamo di capire i vantaggi e gli svantaggi delle due soluzioni, per chiarire quale sia la giusta scelta in base alle nostre esigenze, alla sicurezza alla guida ma anche in relazione alle normative di legge in materia.

Catene e calze da neve: come scegliere

Scegliere le catene da neve

Il primo, e più importante vantaggio delle catene da neve è quello di essere omologate, al contrario delle calze da neve che in Italia non sono equiparate dal punto di vista delle normative stradali alle catene, questo significa che se ci troviamo in zone con obbligo di catene montate o a bordo non possiamo decidere di utilizzare al loro posto le calze.

Va ricordato però che non su tutte le automobili è possibile installare le classiche catene da neve, questo perché molte macchine non hanno lo spazio sufficiente tra la gomma e il vano ruota, oppure a causa della presenza “ingombrate” di alcune componenti meccaniche quali gli ammortizzatori o l’ABS; in ogni caso sul libretto di manutenzione della vostra auto troverete la voce “catenabile” o “non catenabile”.

Esistono comunque differenti tipologie di catene, oltre a quelle classiche, come ad esempio le catene ad ancoraggio esterno chiamate anche catene ‘ragno’ che, a differenza di quelle tradizionali, non hanno alcun sistema di fissaggio sul lato interno della ruota e pertanto sono decisamente più facili da montare (e questo non è poco!), e possono essere montate anche su auto normalmente non catenabili. Anche le cosiddette catene a cavo possono essere utilizzate su mezzi non catenabili.

Le catene da neve possono essere di diversi tipi anche a seconda della trama delle maglie: le catene normali sono le tradizionali catene da neve con anelli a sezione rotonda, le catene rompighiaccio sono costruite in modo da sviluppare più pressione sul fondo ghiacciato e romperlo, e sono le uniche a garantire una reale presa sul ghiaccio, ma non sono montabili su tutti i veicoli.

Sappiate che le catene da neve devono essere montate solo sulle ruote motrici, quindi per un veicolo a trazione anteriore si devono applicare obbligatoriamente alle ruote anteriori e viceversa; e che ogni modello di automobile necessita di catene differenti a causa della conformazione stessa del veicolo e delle dimensioni dei pneumatici di cui è dotato.

Scegliere le calze da neve

Le calze da neve sono coperture in poliestere studiate per essere applicate direttamente sulle ruote, non ne modificano la forma e di conseguenza nemmeno la sensazione di guida; sono state inventate in Norvegia negli anni ’80 e in molti paesi vengono utilizzate in sostituzione alle tradizionali catene.

Si tratta di una soluzione che presenta diversi vantaggi rispetto alle catene da neve, innanzitutto sono molto economiche (il prezzo varia dalle cinquanta alle settanta euro circa), e sono anche decisamente più facili da montare rispetto alle catene da neve tradizionali. Il punto di forza delle calze da neve è il terreno ghiacciato e l’asfalto con neve battuta e, come per quanto riguarda le catene, sopportano una velocità massima di 50 kilometri orari.

Ma come abbiamo accennato prima, le calze da neve non sono ancora omologabili in Italia (quindi non vengono riconosciute come catene da neve). Altro svantaggio di questo sistema anti-slittamento è che le calze tendono a deteriorarsi su asfalti puliti, ovvero privi di neve e ghiaccio, molto di più rispetto alle catene, e hanno una resa minore sulla neve fresca.

Restano comunque una buona soluzione nelle località dove non ci sono obblighi di catene a bordo o montate, o nelle numerose situazioni di emergenza (ad esempio per uscire da un parcheggio dopo un’abbondante ghiacciata) che possono capitare in caso di nevicata improvvisa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *