Goodyear per l’ambiente: pneumatici green con gli scarti del riso

La case produttrici di pneumatici sono sempre più attente alle necessità dell’ambiente e Goodyear esplora una nuova frontiera: la realizzazione di gomme partendo dagli scarti del riso. Si tratta di una logica ambientalista di ultima generazione volta alla creazione di un nuovo genere di pneumatico green. Scopriamo di cosa si tratta.

1-original

Assumere un comportamento eco solidale è oggi una necessità indiscutibile nonché, fortunatamente, un’abitudine sempre più popolare, che vede impegnarsi attivamente per la salvaguardia del Pianeta anche i grandi produttori mondiali.

È il caso della casa produttrice di pneumatici Goodyear che si è inserita da ormai un anno in uno nuovo progetto verde; si tratta della realizzazione di un nuovissimo genere di gomma ecologica ricavata direttamente da un materiale altrimenti destinato ad aggiungersi al sistema di smaltimento rifiuti: gli scarti del riso.

La casa statunitense non è nuova a questo genere di progetti green; una vera pioniera che si è avvalsa negli anni dei progressi della cosiddetta “chimica verde” per assumere attivamente una posizione pro-ecologia in un campo tanto inquinante com’è, purtroppo, quello del mercato delle gomme.

Questa nuovissima formula, derivata dagli scarti del riso, e in particolar modo dal rivestimento dei chicchi, è già stata testata ed è pronta per essere immessa nel mercato cinese. Il processo che sta alla base di tale formula è volto all’estrazione della silice dalla cenere della buccia del riso che viene eliminata durante la lavorazione e bruciata per ridurre i quantitativi di scarto o per produrre elettricità.

I test scientifici hanno dimostrato che la silice così estratta può essere utilizzata al posto del nerofumo, come agente rinforzante nelle molecole di cui è composto il battistrada.

È solo negli ultimi anni che i processi di lavorazione hanno permesso di estrarre una quantità di silice adatta per essere impiegata nella realizzazione degli pneumatici, da un lato per rinforzare la stessa gomma e dall’altro per diminuire la resistenza al rotolamento e di conseguenza il consumo di carburante.

Dal punto di vista delle performance di questi nuovissimi pneumatici green, i test effettuati nel centro ricerche Goodyear di Akron (Ohio) hanno dimostrato che la silice ricavata dal riso ha un impatto paragonabile a quello delle fonti classiche.

Partendo da questi risultati la casa produttrice ha siglato il primo accordo per l’approvvigionamento della lolla con la Yihai Food and Oil, un’azienda cinese; questo in virtù del fatto che le prime gomme ottenute dagli scarti del riso verranno prodotte proprio all’interno di uno stabilimento cinese, situato a Pulandian, sulla costa ovest del paese.

Questo è solo il primo importante passo verso la commercializzazione su larga scala del prodotto green di Goodyear; l’azienda è, infatti, già da tempo in fase di negoziazione con altri potenziali fornitori di materia prima.

Questi passi rapidi e decisi della casa americana confermano il suo impegno verso l’ecologia, un lavoro che mira a rendere le gomme oggetti sempre più attenti all’ambiente, sia nei materiali che nei diversi processi di fabbricazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *