Mobilità sostenibile: la tecnologia a favore dell’ambiente

Se purtroppo le condizioni del nostro Pianeta peggiorano, ormai davanti agli occhi di tutti, di anno in anno, un importante svolta verso la sostenibilità di cui ha tanto bisogno è stato fatta in innumerevoli campi e settori commerciali; scopriamo cosa si può fare, e cosa si potrà fare nel prossimo futuro, per diminuire l’impatto dell’uomo sulla Terra attraverso alcune straordinarie innovazioni “verdi”.

 

Una delle più grandi prerogative dell’essere vivente, e a maggior ragione dell’uomo, è quella di spostarsi e noi, purtroppo, lo facciamo da secoli a discapito dell’ambiente. Si sente sempre più spesso parlare di mobilità sostenibile, di innovazioni tecnologiche “verdi” nel settore auto mondiale, dell’importanza della sicurezza stradale affiancata a quella ambientale.

I danni ambientali causati dalla circolazione dei mezzi di trasporto, tra cui auto, moto e mezzi pesanti, nonché imbarcazioni e velivoli sono, purtroppo, orma ben noti e ben visibili; l’anno in corso è iniziato con una serie di blocchi del traffico stradale, misure che non sono servite a far rientrare il pericoloso tasso di polveri sottili.

Per fortuna, nonostante i comportamenti irresponsabili tenuti dall’uomo nel corso delle sue esistenza, ad oggi sembra che qualcosa stia cambiando; una presa di coscienza assolutamente doverosa pare si stia sviluppando in molti di noi e le innovazioni tecnologiche, che caratterizzano la nostra epoca, iniziano a “pensare” anche all’ambiente.

Coloro che lavorano per la grande industria, come ad esempio chi sviluppa soluzioni hi tech nel settore auto, stanno iniziando a prendere maggiormente in considerazione la possibilità di realizzare mezzi di trasporto a minor impatto ambientale.

La cosiddetta mobilità sostenibile raggiunge nuovi ed importanti obbiettivi con una rapidità in crescita esponenziale; complici i cambiamenti climatici che sono ormai sotto gli occhi di tutti, nonché i problemi legati all’inquinamento atmosferico causato dalle emissioni di polveri sottili dei veicoli, qualcosa finalmente si sta muovendo nella giusta direzione.

L’anno appena terminato è stato un anno fondamentale per lo sviluppo e la distribuzione delle auto elettriche, ma non solo; sono stati sviluppati i primi importanti progetti relativi ad imbarcazioni e mezzi a due ruote sostenibili.

L’innovazione sta facendo grandi passi avanti, come dimostrano chiaramente le 5 invenzioni che stiamo per vedere.

  1. Traghetto elettrico

Si tratta del primo traghetto elettrico e si chiama AmpèreElettrica al 100%, questa imbarcazione è stata battezzata in Norvegia, dove il traghetto sta già funzionando dando provo della sua funzionalità. Ad oggi il battello percorre, affidandosi unicamente alla capacità delle batterie di cui è dotato, per ben 34 volte il tragitto che va dal molo della città di Lavik a quello di Oppedal, viaggiando ad una velocità di 10 nodi e trasportando 360 passeggeri e 120 veicoli. Il traghetto, che deve la sua nascita ad un concorso indetto dal Ministero dei Trasporti norvegese, è stato interamente progettato e realizzato dal cantiere Fjellstrand, che ha dato prova di grande abilità.

  1. Flotta elettrica e rete di porti sostenibili

Dopo il successo del battello Ampère, il governo sta avviando un altro interessante e futuristico progetto “verde”; si tratta di una intera flotta di navi elettriche che solcheranno i caratteristici fiordi in totale eco-sostenibilità. Sia il Governo che i leader del mercato navale stanno lavorando ad un programma (Green Coastal Shipping Programme) che mira alla realizzazione della navigazione costiera sostenibile; le imbarcazioni, tra cui navi cisterna, navi container e navi da carico, ma anche pescherecci, navi passeggeri, traghetti e rimorchiatori saranno dotate di trazione elettrica (o ibrida) e andranno a batterie o a gas naturale.

  1. Bici a idrogeno (100 km con 30 gr di gas)

Si chiama H2 Bike ed è una bicicletta a idrogeno realizzata dal gruppo Linde, leader nella fornitura mondiale di gas industriali; l’idea è quella di promuovere l’utilizzo di questo combustibile pulito attraverso la progettazione della bicicletta. Ciò che rende davvero interessante questo mezzo “verde” è la cella a combustibile che monta al posto delle batterie tradizionali; tale cella compatta è agganciata al telaio e produce energia combinando l’idrogeno con l’aria. Il sistema di rifornimento di cui è stata dotata offre la possibilità di ricaricare la bombola in poco più di sei minuti.

  1. L’eBus ad altissima autonomia

Si tratta, per il momento, di un prototipo ed è stato sviluppato dalla Brighsun, una società australiana, che ha impiegato ben 4 anni per portarlo a termine. Questo mezzo pubblico elettrico è in grado di percorrere oltre 1.000 chilometri senza mai fermarsi, ovvero senza dover ricaricare la propria batteria. L’autobus, che è stato presentato insieme ad altri tre prototipi, è dotato di una batteria ad alte prestazioni agli ioni di litio, motore elettrico e sistema di frenata rigenerativa.

  1. Auto solare “immortale”

Il suo nome la dice lunga sulla sua natura “immortale”; si chiama Immortus e si tratta di un’auto solare che si ricarica, appunto, con l’energia del sole e che quindi non necessita della corrente. È una supersportiva ed è stata ideata e prodotta dalla società australiana EVX Ventures, che afferma che Immortus potrà percorrere distanze illimitate, unica condizione necessaria: il sole. L’auto dispone di ben 7mq di pannelli fotovoltaici, pesa appena 550 kg, è alta 1 m e 10 cm ed è lunga 5 m; Immortus monta una batteria al litio che alimenta i suoi due motori elettrici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *