Montaggio e stoccaggio pneumatici: un lavoro da professionisti

Consigli pratici e utili suggerimenti per il corretto montaggio degli pneumatici, per l’equilibratura e la convergenza, e per un adeguato stoccaggio quando avete finito di usarli o per il cambio stagionale, eliminando i residui di ghiaia e sassi nelle scolpiture e riponendoli al riparo dal sole.

Come fare correttamente montaggio e stoccaggio pneumatici

Montare e smontare gli pneumatici, a meno che non si sia esperti, è un lavoro che è sempre meglio affidare ad esperti del settore. Prima dello smontaggio, infatti, bisogna togliere la valvola per sgonfiarli completamente, e le valvole e i relativi meccanismi vanno per forza sostituiti quando si provvede a rimontare lo pneumatico.

In più, alcuni pneumatici vanno montati seguendo obbligatoriamente il loro senso di rotazione (in alcuni è specificato il lato esterno), e quando li si gonfia non si deve superare una pressione di 3,5 bar.

Come fare correttamente montaggio e stoccaggio pneumatici

Dopo il montaggio è sempre bene controllare che i cappucci delle valvole siano stretti, in modo da assicurare alla vostra auto la massima tenuta, e dopo aver fatto un centinaio di chilometri controllare che anche i bulloni siano stretti adeguatamente e non si siano allentati.

L’importanza di equilibratura e convergenza

Equilibratura e convergenza sono due operazioni che vanno eseguite ogni volta che si cambiano pneumatici, compreso quando si cambiano quelli estivi con quelli invernali e viceversa.

L’equilibratura, infatti, è indispensabile per i pneumatici anteriori e per tutti gli elementi meccanici del veicolo come i cuscinetti, lo sterzo e le sospensioni, che potrebbero risultare danneggiati se si utilizza un veicolo il cui treno anteriore non abbia una corretta equilibratura. La convergenza, invece, corregge e bilancia la geometria degli penumatici, incrementando la tenuta di strada dei veicoli, permettendo di risparmiare carburante e incrementando il ciclo di vita delle stesse gomme.

La convergenza va eseguita ad ogni cambio di penumatici ma anche quando si sottopongono gli pneumatici a dei piccoli urti, ad esempio contro il marciapiede mentre si parcheggia o se si prende una buca profonda o si passa in un tratto di asfalto fortemente sconnesso ad alta velocità.

La convergenza va inoltre controllata ed eventualmente corretta quando:

  • gli penumatici sono consumati in modo animalo o nel bordo interno o in quello esterno;
  • in fase di acceleramento o di frenata, l’automobile tende a “tirare” da una parte;
  • quando, procedendo a velocità stabile in una strada piana e lasciando il volante, l’ auto tende a tirare (anche impercettibilmente) da un lato;
  • lo sterzo appare particolarmente rigido;
  • il volante non appare correttamente centrato:
  • dopo aver effettuato una curva, le ruote faticano o tardano a rimettersi in posizione dritta.

Lo stoccaggio degli pneumatici

Stoccare gli pneumatici con cura è il modo migliore per preservarli e per rimontarli correttamente; ad esempio, quando effettuate il cambio tra quelli invernali e quelli estivi provvedete a segnare con un pennarello la posizione del penumatico appena tolto, per poterli rimontare nella stessa posizione, o per farli ruotare, se è il caso.

Prima di riporli in attesa della nuova stagione, provvedete anche a pulirli eliminando sassi, ghiaia e altri elementi e residui che potrebbero essere presenti tra le scolpiture, e riponeteli poi in un luogo fresco, asciutto e buio, o comunque non direttamente inondato dalla luce del sole.

Tanti meccanici e gommisti vi offriranno anche di conservare nei loro magazzini i vostri pneumatici invernali o estivi quando eseguite il cambio; è un buon modo per non occupare troppo spazio in cantina o in garage, ed evitarvi la fatica di trasportarli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *