Test pneumatici estivi

Difficile scegliere i giusti pneumatici per la propria auto: non solo è importante che aderiscano bene all’asfalto per garantire una maggiore tenuta e sicurezza all’auto, ma è anche necessario farli controllare spesso per cambiarli appena opportuno. Come scegliere però gli pneumatici estivi più adatti alle proprie esigenze?

Test pneumatici estivi

Test pneumatici estivi: l’importanza di avere quelli giusti

Gli pneumatici rappresentano l’unico punto di aderenza dell’auto sulla strada, quindi un controllo frequente e una loro sostituzione quando necessario, contribuiscono a migliorare la tenuta dell’auto sull’asfalto.

Gli pneumatici si distinguono a seconda delle loro caratteristiche tecniche, ovvero principalmente in base alle misure, quali la larghezza del battistrada e l’altezza spalla, all’indice di carico, al codice di velocità e alla temperatura di funzionamento.

Oggi si producono pneumatici per ogni tipo di auto, tanto che ormai esistono varie qualità di gomme: pneumatici di tipo estivi, invernali, 4×4, a uso agricolo o a uso industriale, per suv e per moto. Soprattutto negli ultimi anni si è assistito all’introduzione sul mercato dell’auto di diversi nuovi tipi di pneumatici, come quelli a bassa resistenza al rotolamento che consentono di ridurre i consumi.

La durata degli pneumatici varia a seconda di diversi elementi, ma lo stile di guida dell’automobilista risulta essere l’elemento che influisce di più: accelerazioni o frenate brusche e curve ad alta velocità incidono non poco infatti sulla durata del battistrada, che spesso per questi motivi va cambiato anche molto tempo prima rispetto al limite imposto dal Codice della Strada.

Inoltre l’automobilista dovrebbe anche prendere in considerazione che le gomme dell’auto vanno cambiate anche a seconda della stagione.

Test pneumatici estivi: come sceglierli

Gli pneumatici estivi si differenziano da quelli invernali per la loro capacità di arrivare a determinate temperature di esercizio, anche la spalla e l’impronta degli pneumatici estivi hanno una diversa portata rispetto a quelli invernali: è anche per questa ragione che è raccomandabile cambiarli ogni stagione. Eseguendo un giusto cambio di stagione agli pneumatici, si potrà andare incontro a minori consumi della copertura, del carburante e dei liquidi in generale.

Naturalmente la scelta degli pneumatici estivi dipende dalle proprie esigenze, rispettando però le indicazioni del proprio libretto di circolazione. Infatti, ciò che bisogna controllare sono la larghezza del battistrada, la sezione e il raggio degli pneumatici estivi, senza trascurare il codice di carico e di velocità: l’uno si riferisce al peso massimo che l’auto può trasportare e l’altro indica la velocità massima a cui l’auto può arrivare se equipaggiata con un determinato tipo di pneumatici.

Gli pneumatici estivi infatti possono avere due tipi di battistrada diversi, simmetrico o asimmetrico: quelli con battistrada simmetrico sono conosciuti anche con il nome di “a spina di pesce” e riescono a drenare maggiormente la pioggia riducendo il fenomeno dell’acquaplaning, mentre quelli con battistrada asimmetrico offrono un contatto maggiore con l’asfalto e quindi contribuiscono a una trazione maggiore.

Pneumatici estivi Run Flat

Tra i tipi di pneumatici estivi, sono molto usati quelli Run Flat, perché, in caso di forature, non collassano su se stessi: i Run Flat infatti presentano la spalla della gomma rinforzata, così da riuscire a mantenere integra la propria struttura anche in presenza di una minore pressione di gonfiaggio, come accadrebbe in caso di una foratura.

Pneumatici estivi Run Flat

Questo tipo di pneumatici estivi permette così di poter raggiungere velocità di circa 50 o 60 km/h su distanze che variano dai cinquanta agli ottanta kilometri: insomma, in caso di necessità, è la stessa tenuta degli pneumatici a permettere all’automobilista di poter raggiungere il gommista più vicino per una sostituzione, senza necessariamente dover ricorrere all’assistenza o al fai-da-te.

Contro

L’unico inconveniente di questo tipo di pneumatici è che, in caso di rotture di ogni tipo, non possono essere riparati ma solo sostituiti. Nell’acquisto, gli automobilisti hanno l’imbarazzo della scelta per i propri pneumatici estivi, dato che oggi i costruttori ne hanno immessi in commercio molti modelli, divisi a seconda delle misure e dei prezzi.

La spesa per comprare un treno di pneumatici nuovi dipende dal tipo di auto e dal modello degli stessi pneumatici: è facile, partendo da una base di quaranta euro, arrivare a spendere per ogni pneumatico anche dieci volte tanto, ecco perché si consiglia di rivolgersi sempre al proprio gommista di fiducia, che avrà almeno l’accortezza di appurarne la giusta misura e di provvedere al loro montaggio con equilibratura una volta che ve li avrà venduti.

Una risposta

  1. Max

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *