Tesla: presente e futuro delle auto elettriche

Da qualche tempo si sente parlare sempre più spesso, soprattutto sul web e sulle riviste di settore, delle auto Tesla e della tecnologia assolutamente innovativa che le contraddistingue. La Tesla Motors, società statunitense che dal 2003, anno della sua fondazione, ad oggi, sta dando prova di grande ingegno e serietà, immette sul mercato un nuovo software che consente all’auto di parcheggiare in totale autonomia; scopriamo di cosa si tratta.

tesla_model_s_int

Sinonimo di innovazione e tecnologia, la Tesla Motors, non a caso, prende il proprio nome da Nikola Tesla, estroso e controverso inventore, a cui dobbiamo alcune delle più rivoluzionarie scoperte nel campo dell’elettricità.

L’azienda statunitense, nata dalla passione e dalle idee di Elon Musk, il giovane e ambizioso fondatore di PayPal, e le sue vetture elettriche stanno diventano argomento di discussione sempre più popolare e confermando la crescente presenza sul mercato grazie alle molte novità in fatto di produzione e distribuzione dei veicoli.

Tesla rappresenta il futuro delle auto elettriche nel panorama odierno mondiale; i suoi modelli sono perle di design e tecnologia che continuano ad evolversi alla ricerca di una sempre maggiore autonomia del veicolo, nonché di performance e sicurezza ambientale.

È di pochi giorni fa l’uscita della nuova versione del software di gestione dei modelli Model S e Model X; tra le novità più rilevanti la funzione “Summon”, ovvero “chiama”, che consente di ordinare all’auto di uscire dal parcheggio in totale autonomia.

Grazie al comando “Summon” il guidatore può anche, dopo aver allineato correttamente il veicolo ed essersi posizionato a non più di tre metri da esso, farlo parcheggiare da sé.

La Tesla è in grado sia di parcheggiare da sé che di uscire da un parcheggio, grazie al computer di bordo e ai vari sensori di cui è dotata.

Il risultato di tale tecnologia e di questa avveniristica funzione è davvero strabiliante; vedere un auto che parcheggia da sola è sicuramente un’immagine forte, che rende il futuro della auto elettriche sempre più vicino e tangibile.

La funzione di cui sono dotati i nuovi modelli della Tesla risulta molto utile soprattutto in particolari e sgradevoli circostanze tipiche della circolazione stradale urbana, come ad esempio il caso in cui si ritrovi la propria auto imbottigliata nel parcheggio o si possieda un posto auto scomodo e stretto.

Il nuovo software introduce anche altre rivoluzionarie funzioni, dal parcheggio assistito in spazi perpendicolari all’apertura automatica della porta servoassistita del box, dalla guida assistita ad un più performante mantenimento di corsia.

Ovviamente tutta questa tecnologia ha un costo decisamente rilevante: si parla di 75.000 dollari per acquistare la Tesla Model S base (con software aggiornato) e di circa 90.000 dollari per la Model S.

Un annuncio ufficiale pubblicato dall’azienda americana spiega che la funzione “Summon” ha come finalità primaria quella di dare ai proprietari dell’auto la possibilità di sperimentare le nuove tecnologie su proprietà privata, in modo da abituarsi al nuovo concetto di auto in totale sicurezza, in attesa di vedere il concretizzarsi di un futuro in cui sarà l’auto stessa a condurci dove vogliamo.

Si tratta di un primo e cruciale passo verso l’auto del futuro, un veicolo che, dopo aver “imparato” ad uscire da solo dal garage, vi verrà a prendere ovunque voi vi troviate!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *